Illuminare la mente per rendere buono il cuore“.
Così don Bosco, nella seconda metà dell’800, scriveva in una prefazione alla “storia Sacra”.

È una frase che rappresenta la sintesi di un progetto che ancora oggi rivoluziona l’educazione e tramite l’educazione rivoluziona il mondo: l’invito ad una partecipazione attiva alle questioni del tempo e della società perché si possano cambiare fino alla radice, il cammino verso una consapevolezza critica che tramite la ragione cerchi risposte originali e innovative.

Una missione articolata la cui semplicità è sempre il frutto di una complessità di relazioni, di progettualità condivisa e studiata, perché l’educazione non si improvvisa e l’educatore non agisce nell’emergenza. Ecco che allora la rievocazione della figura di Don Bosco non è la celebrazione di un mito del tempo passato ma l’occasione di fare memoria, e cioè di riscoprire il senso del nostro stare qui: “illuminare la mente per rendere buono il cuore”.

Fare memoria di Don Bosco è riscoprire le parole chiave della Spiritualità Giovanile Salesiana: l’allegria, la quotidianità, l’itinerario, i tempi lunghi, lo sguardo educativo, il cortile, l’amorevolezza e condividere tutto con i bambini, i ragazzi e i giovani, non destinatari di un servizio, ma protagonisti attivi e centrali di una comunità che, ogni giorno, cerca di essere “una casa per crescere insieme”.

Ed ecco l’elenco dei premi della Sottoscrizione 2019

 

 

Altri articoli...

Quaresima 2019

marzo 1, 2019

Festa della donna 2019

febbraio 22, 2019

Polenta & pizzoccheri 2019

febbraio 10, 2019